Il momento di andare in vacanza si avvicina, per gli amanti del mare e della natura è il momento giusto per partire alla scoperta di 7 isole meravigliose che caratterizzano il nostro paese. Oltre alle iconiche Sicilia e Sardegna infatti non dobbiamo dimenticarci della perla che è il più piccolo Arcipelago Toscano.
Luoghi dove rigenerarsi fra mare, borghi, trekking, cultura, immersioni, natura e relax. 

“Secondo la leggenda la Dea Venere, dea della bellezza, emergendo dalle meravigliose acque del Mar Tirreno, lasciò cadere dalla collana che portava intorno al collo sette perle, le quali caddero in mare diventando le sette isole dell’Arcipelago Toscano”.

L’Arcipelago Toscano è appunto formato da sette isole maggiori: Elba, Giglio, Capraia, Montecristo, Pianosa, Giannutri e Gorgona. Queste fanno parte anche del Parco Naturale marino più grande d’Europa, con una superficie di 17694 ettari di terra e 61474 ettari di mare, e del Santuario Pelagos per i mammiferi marini. È il luogo ideale se si è interessati ad ammirare da vicino specie marine e altri animali, come un’ampia varietà di uccelli, che si concentrano in queste zone protette e tutelate. 

Sono isole ben diverse tra loro nonostante facciano parte del medesimo ecosistema, caratterizzato da una natura selavaggia di macchia mediterranea. Ognuna ha un proprio carattere e una realtà specifica ricca di differenti specie vegetali, di storia e cultura. E sebbene proprio per questo siano sottoposte a un regime di tutela diverso, sono tutte visitabili.  

Isola d’Elba
Terza per grandezza tra le isole del Mediterraneo, e isola più grande dell’Arcipelago. È una ricca fonte di attrazioni e pertanto richiede un adeguato tempo di visita e di permanenza per poterla apprezzare e visitare interamente. A pochi chilometri di distanza, si alternano spiagge da sogno, montagne di granito, verdi boschi, laghetti nascosti e miniere dall’aspetto lunare. Sono presenti innumerevoli testimonianze storiche e culturali di personaggi illustri e popoli dalle origine lontane: fortezze, chiese, pievi, ville e piccoli borghi arroccati sulle colline. Otto sono i comuni elbani, mentre i paesi più grandi sono Portoferraio, Marina di Campo, Porto Azzurro, Procchio e Rio Marina. Ha una costa di circa 147 km caratterizzata da numerosi golfi e promontori e da un mare incantevole. 

Isola del Giglio
Il Giglio, tristemente famosa dopo il Naufragio della Concordia, in realtà fra le isole dell’arcipelago è una delle più conosciute per l’ambiente e il mare cristallino. Oltre ai bei paesaggi, sono da apprezzare le tre caratteristiche aree urbane: in particolare da non perdere sono l’approdo di Giglio Porto, i pittoreschi vicoli ed i resti della fortezza pisana di Giglio Castello, la baia del Campese e le cale nei pressi di Punta Capel Rosso. 

Capraia 
Capraia è un piccolo paradiso geologico in quanto unica isola vulcanica dell’Arcipelago Toscano, è fra le realtà insulari più marittime, trovandosi a 54 km dalla costa continentale. Gli appassionati di immersioni troveranno magnifici fondali, dove sono sedimentati anche notevoli reperti archeologici sottomarini. L’isola offre numerosi siti di interesse storico raggiungibili grazie a sentieri e mulattiere: Ex Colonia Penale, Torre del Porto, Chiesa di Santo Stefano, Chiesa dell’Assunta, Chiesa di San Nicola, Chiesa e convento di San Antonio, Forte San Giorgio e numerose spiagge, calette e grotte.

Montecristo
La misteriosa e inespugnabile Montecristo, famosa grazie al romanzo di Dumas “Il Conte di Montecristo”, è una delle isole più selvagge e inaccessibili dell’Arcipelago Toscano. Riserva naturale dal 1971, è per l’appunto la meno abitata dell’arcipelago. Pochissimi gli edifici presenti, tra questi si può visitare però l’ottocentesca villa dell’inglese Watson-Taylor. Dal 2019 le visite sull’isola sono consentite a 2000 persone l’anno. 

Pianosa 
L’isola di Pianosa è stata colonia carceraria di massima sicurezza fino al 1997. Deve il suo nome al fatto di avere un territorio quasi totalmente pianeggiante. Particolare rilevanza hanno le antiche rovine romane e catacombe immersi nella natura coperta, se la stagione lo permette, di fioriture gialle, rose e bianche. In particolare i resti della villa romana di Agrippa.

Giannutri 
L’Isola di Giannutri è chiamata anche l’isola dei gabbiani, in quanto meta d’elezione dei numerosi gabbiani reali che scelgono l’isola per nidificare. Il trionfo della natura più pura e della semplicità della vita si può respirare a pieni polmoni in questa romantica isola dalla dolce forma di piccola mezzaluna. L’ambiente marino è molto ricco, l’eccezionale trasparenza dell’acqua e la presenza di alcuni relitti, rendono le sue profondità uniche. Il relitto dell’Anna Bianca giace all’interno della parte nord di Cala Ischiaiola. Visitare lo spettacolare relitto del Nasim invece è un po’ più impegnativo a causa della profondità, ma il colore bianco del fondale rende l’immersione molto suggestiva. Le insenature di Giannutri si raggiungono in barca o camminando per i sentieri presenti sull’isola e i fondali, grazie alle pareti verticali dove crescono gorgonie, coralli e spugne richiamano ogni anno moltissimi sub e amanti delle immersioni.

Gorgona 
L’affascinante Gorgona è sede di una colonia penale agricola per detenuti si occupano di agricoltura e allevamento. A causa della presenza del penitenziario si può accedere solo con permessi speciali limitati a un contingentamento giornaliero di massimo 100 persone. La costa di Gorgona è caratterizzata da numerose insenature, tra cui le più suggestive sono Cala Scirocco, dove si apre la Grotta del Bove marino, un tempo rifugio di foche monache, Cala Maestra e Cala Martina. 

La nostra Agenzia si avvale di numerose collaborazioni e partner fantastici per poter esplorare ogni anno le bellezze del nostro Arcipelago. Approfitta anche te del nostro prossimo appuntamento: il 22 luglio 2023, con una gita giornaliera con rotta verso l’Isola d’Elba.
Vi aspettiamo sul sito e nelle nostre Agenzie!