Nuovi 100 hotel nell’Asia Pacifico per Marriott International. Già nel 2020, il Gruppo Usa aveva celebrato la sua struttura numero 800 nell’area, grazie all’aggiunta di 75 proprietà e circa 27mila camere.

«Sono orgoglioso della nostra crescita e del nostro spirito di adattamento alle circostanze avanzate dalla pandemia – ha detto Craig S. Smith, group president, international del colosso americano dell’hôtellerie – Dobbiamo mantenere il giusto posizionamento sia nell’Asia Pacifico che nel resto del mondo, soddisfacendo quella che è la domanda della clientela».

Un traguardo importante sarà quello raggiunto con l’apertura del 400º hotel in Cina e del 50º a Shanghai: in primavera, infatti, la catena alberghiera aprirà il Jw Marriott Shanghai Fengxian.

Novità in casa Marriott anche per il prestigioso portfolio luxury: sempre in Cina, nel 2021 si apriranno strutture come il W Changsha, W XiamenSt. Regis Qingdao and The Ritz-Carlton Reserve Jiuzhaigou. Con quest’ultima struttura, la Cina diventerà il primo Paese dell’Asia Pacifico a ospitare tutti i brand di lusso Marriott.

Ma passiamo al Giappone, con l’apertura del W Osaka, mentre The Luxury Collection debutta a giugno in Australia con The Tasman a Hobart. Fino alle meravigliose Maldive, dove a inizio estate prossima farà il suo esordio l’iconico Ritz-Carlton.

E ancora, nella corposa lista di new opening, Marriott ci mette anche Jeju Island in Corea del Sud, con il Jw Marriott Jeju a fine 2021.

Fonte: lagenziadiviaggi.it